La spremuta fresca d’arancia aiuta la memoria

La spremuta d’arancia aiuta il cervello.

Un bicchiere abbondante di succo fresco d’arancia, appena spremuto, migliora l’attività del cervello e le capacità mnemoniche.

È l’incoraggiante risultato ottenuto da un team di ricercatori anglosassoni dell’Università di Reading, a seguito di uno studio compiuto su una quarantina di adulti.

La ricerca ha monitorato questo campione umano, con un’età media di sessant’anni, mentre consumava mezzo litro di spremuta fresca d’arancia al giorno, nell’arco di un periodo di due mesi.

I partecipanti hanno poi affrontato otto diverse prove, attraverso le quali il team di scienziati ha potuto valutare memoria, tempi di reazione e fluidità verbale degli esaminati.

I risultati della ricerca sono stati un successo: a livello generale, le funzioni cognitive di chi si è sottoposto allo studio sono migliorate dell’8%.

Migliorare dell’8% le proprie funzioni cerebrali – sostengono i ricercatori, sul quotidiano britannico Telegraph – equivale a ricordare una parola in più, rispetto a quelle che di solito tornano in mente, per esempio, da una lista della spesa di 15 prodotti. Questi piccoli miglioramenti, spalmati lungo un periodo di otto settimane, potrebbero tradursi in sostanziali progressi per tutta la durata della vita. Grazie alla concentrazione di vitamine e zuccheri, il succo fresco d’arancia potrebbe svolgere un ruolo importante nel fornire i nutrienti necessari a mantenere in salute il cervello”.

Co-autore dello studio, il dottor Daniel Lamport – della Scuola di Psicologia e Scienze Linguistiche Cliniche dell’Università di Reading – ha concluso ribadendo che il succo d’arancia è un’importante fonte naturale di flavonoidi, sostanze fitochimiche vegetali. Sono i flavonoidi a favorire la memoria, stimolando l’ippocampo, quella parte del cervello associata con l’apprendimento.

Con un bicchiere di succo d’arancia al giorno migliorano le capacità cerebrali | Fresh Plaza

Share on FacebookShare on Google+Tweet about this on Twitter

Postato:23/07/2015

Commenta l'articolo

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *