Grandi consensi per Oranfresh a Venditalia

Oranfresh a Venditalia 2015 report.

Oranfresh ha lanciato con successo i suoi nuovi modelli in occasione di Venditalia 2015 Special Edition – l’Esposizione Internazionale della Distribuzione Automatica, punto di riferimento per il settore – che si è svolta dal 3 al 6 maggio scorsi, presso il padiglione 18 di Rho Fiera Milano. Quest’anno la manifestazione era inserita all’interno di Tuttofood – il Salone Internazionale della Filiera Agroalimentare – e ha registrato un boom di visitatori da tutto il mondo, che l’azienda etnea ha accolto presso lo stand A 22.

La comunità internazionale – dall’Egitto al Giappone, dall’Uruguay alla Cina, dall’Argentina agli Stati Uniti d’America, dal Brasile a Israele, oltre ai paesi dell’UE – ha molto apprezzato gli ultimi e innovativi distributori automatici Oranfresh per spremute istantanee di frutta fresca, che elevano l’offerta del prodotto a una varietà senza eguali, confermando l’azienda indiscussa leader mondiale nel settore Vending.

Dal nuovo OR 130 Multi Juice – il “creativo” di casa Oranfresh, presentato nella versione Take Away per spremute fresche d’asporto: una sola macchina, tanti succhi da gustare – all’inedito OR Fill-Up, unico distributore al mondo per imbottigliare e portare via con sé il succo fresco d’arancia, fino all’esclusivo combo OR Orange & Apple, in grado di erogare spremuta fresca d’arancia e succo di mela centrifugata all’istante. Presenti anche due grandi successi della gamma Oranfresh: la rinnovata HR Supermarket – un must per i reparti ortofrutta degli esercizi commerciali, adatta anche agli alberghi – e Orangenius, il genio Oranfresh per il comparto Horeca, elegante e resistente, funzionale e innovativa.

L’azienda è rimasta favorevolmente impressionata dal notevole e continuo aumento di visitatori dal Medio Oriente, sintomo di una realtà che mostra sempre più interesse verso l’innovazione legata alla sana alimentazione.

 

Share on FacebookShare on Google+Tweet about this on Twitter

Postato:04/06/2015

Commenta l'articolo

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *